Un acido grasso trans (o grasso trans) è un acido grasso insaturo, che contiene cioè uno o più doppi legami di isomeria trans tra due atomi di carbonio.

Alcune ricerche hanno trovato una relazione tra diete contenenti molti acidi grassi trans e malattie coronariche e aterosclerosi. Recentemente è stato pubblicato uno studio in cui vi è una correlazione significativa fra l’uso degli acidi grassi trans e gli eventi ischemici cerebrali (ictus cerebrale) nelle donne in post-menopausa. Alimenti ricchi di grassi Trans.

I grassi trans sono molecole lipidiche riconosciute come nocive. Risultano naturalmente presenti in alcuni cibi (in particolare nel latte e derivati e in alcune carni), ma in concentrazioni ridotte rispetto a quelle dei prodotti industriali. Questi ultimi vengono spesso chiamati grassi idrogenati. Mediante il processo di idrogenazione, eseguito delle industrie alimentari, si rompe artificialmente il doppio legame e si aggiunge idrogeno, ottenendo prodotti in cui la percentuale della forma trans è molto alta. Durante l’idrogenazione, in base alle necessità, viene scelta la consistenza specifica del grasso idrogenato (esistono diversi livelli di idrogenazione).
Trovato in abbondanti quantità di alimenti trasformati, i grassi trans sono composti pro-ossidanti chepossono avere un impatto deleterio sull’energia cellulare.
Beatrice A. Golomb, MD, Ph.D., della Università di California/San Diego (California, USA), e colleghi hanno studiato 1.018 uomini di età compresa tra 20 anni e 45 anni, e donne in post-menopausa, senza malattia coronarica. I soggetti hanno completato un sondaggio dietetico per stabilire il consumo di grassi trans; i ricercatori hanno somministrato loro un test di parola richiamo standardizzato.
Tra gli uomini sotto i 45 anni, i soggetti che hanno mangiato più grassi trans hanno mostrato prestazioni in peggiori sul test della memoria/parola, con ogni grammo supplementare giornaliero di grassi transconsumati associato a una stima di 0,76 parole meno correttamente ricordate. Per quelli che hanno consumato la più alta quantità di grassi trans, questo si è tradotto in circa 11 parole meno (con una riduzione di oltre il 10% di termini ricordati), rispetto agli adulti che hanno mangiato quantità minime di grassi trans .
Gli autori dello studio sostengono che: “Grandi quantità di grassi trans sono significativamente associati con una riduzione significativa della memoria, negli adulti di età compresa tra 20 e 45 anni,anni spesso critici per la costruzione della carriera.
Fonte: Worldhealth

Integratori per il benessere cardiovascolare