Le proprietà dell’aloe sono conosciute da molte centinaia di anni

Già nella bibbia (Giovanni 19,39), si cita il nome di Nicodemo, il quale tentò di salvare Gesù, dopo che fu deposto dalla croce, con una quantità incalcolabile di aloe vera.

L’apostolo Tommaso fece venire l’aloe dall’India, pianta che in seguito rese famosa.

Si racconta che l’aloe ristabilisca l’equilibrio tra i tre Doshas (Kafa, Vata e Pitta). Grazie alla medicina ayurvedica, le preziose conoscenze sugli effetti dell’aloe sono arrivati fino a noi. Greci, Romani e Fenici hanno lasciato innumerevoli consigli sugli effetti preventivi e curativi di questa pianta.

Marco Polo, durante i suoi viaggi in India e in Cina, trovò delle grandi distese di aloe vera e imparò ad usarle nella medicina orientale. L’aloe è considerato dagli indiani come un guaritore muto.

Gli Indiani ed altre tribù per fare i trattamenti con l’ALOE VERA,  i basano sui cicli lunari. Quando sperano di aumentarne l’effetto le regole da seguire sono: se il corpo è affaticato e privo di energia (quando mancano certe sostanze), il succo deve essere assunto giornalmente dalla luna nuova al plenilunio. Se si desidera eliminare certe sostanze dal corpo (ulcere o una cura depurativa), il succo deve essere preso dal plenilunio alla luna nuova. Si deve fare poi una pausa di due settimane.

Cristoforo Colombo al ritorno dai suoi viaggi descrivendola come una pianta dai grandi poteri curativi. Prodotto prezioso per ripristinare e regolare numerose funzioni vitali.

La chiave del potere dell’Aloe è costituito principalmente da tre grandi famiglie di principi attivi e nutrimenti:

Il primo vede la presenza di una tipologia particolare di zuccheri complessi chiamati MUCOPLOISACCARIDI (MPS).

Gli MPS normalmente si trovano in ogni cellula del nostro corpo e siamo in grado di fabbricarli da soli esclusivamente nei primi 10 anni della nostra vita. Uno dei più importanti mucopolisaccaridi, isolato dai laboratori Carrinton USA è l’ACEMANNANO, il quale opera interagendo con il sistema immunitario.

E’ un potente stimolatore di macrofagi (globuli bianchi che distruggono i batteri, cellule tumorali, ecc.) per produrre agenti immunitari, quali l’interferone e l’interleuchina.

Agente antinfiammatorio:

può ridurre il dolore ed il gonfiore, efficace contro le scottature solari, le piccole ustioni, contro le punture di insetto, contro l’acne. Agente rigenerante: favorisce la rigenerazione delle cellule; potente agente rigenerante per tutti i tipi di ferite. Essendo un naturale antibiotico e antibattericol’Aloe è in grado di intervenire su una vasta gamma di infezioni, comprese quelle di origine micotica. Agente idratante e coesivo: è adatto al trattamento delle pelli secche.

Agente anti-invecchiamento:

L’Aloe ha la capacità di aumentare la produzione di fibroplasti umani 6/8 volte più rapidamente del normale. I fibroplasti sono cellule che si trovano nel derma e sono responsabili della produzione di collagene, una proteina di supporto della pelle che la rende soda ed elastica. L’esposizione al sole e il normale processo di invecchiamento fanno sì che i fibroplasti rallentino la produzione di collagene e le rughe si evidenzino. L’Aloe non soltanto migliora la struttura dei fibroplasti, ma accelera il processo di produzione del collagene producendo un sensibile ringiovanimento della pelle.

Il secondo grande insieme di principi attivi è costituito dagli ANTRACHINONI che hanno un’attività lassativa e riparatrice per l’intestino.

Il terzo è la ricchezza che l’Aloe vanta, in termini di vitamine, minerali ed alimenti nutrizionali in genere.

Infatti questa pianta miracolosa possiede più di 150 componenti attivi. L’Aloe è dunque un’agente ristrutturante veramente efficace per la sua adattabilità.

E’ questa la proprietà più straordinaria, ossia la risposta adeguata ad ogni problema specifico.

ALOE:UN PRODIGIO DELLA NATURA

L’aloe è una vera e propria miniera di componenti nutrizionali: gli scienziati ne hanno identificati più di 75.

L’elenco delle VITAMINE, dei MINERALI, degli ENZIMI e degli AMMINOACIDI contenuti nell’Aloe Vera è talmente completo da far pensare ad un vero e proprio manuale della nutrizione.

I ricercatori continuamente studiano la pianta per svelarne tutti i segreti ma, a tutt’oggi si pensa che sia proprio il modo sinergico con cui agiscono tutti i componenti nutrizionali, a conferire all’Aloe Vera le sue proprietà “prodigiose”.

L’Aloe Vera è probabilmente la pianta curativa ed estetica più usata nella storia, essendo presente nella farmacopea di ogni cultura da oltre 5000 anni.

Si sta conducendo una ampia ricerca scientifica negli Stati Uniti ed in Russia per stabilire tutte le proprietà dell’Aloe Vera.

Se ancora non e’ possibile fare affermazioni definitive riguardo ai benefici effetti terapeutici dell’Aloe Vera, vi sono tuttavia numerosissimi riscontri clinici della sua efficacia ed un sempre crescente uso professionale in ospedali e centri anti ustioni, oltre all’utilizzo che, naturalmente, ne fanno medici, naturopati, dermatologi e cosmetologi per i loro pazienti.

L’uso regolare di Aloe Vera, aiuta ad alleviare PROBLEMI DIGESTIVI e facilita il RINNOVO DELLA MUCOSA GASTRICA ED INTESTINALE.

Se assunta regolarmente sotto forma di bevanda, agisce come PURIFICANTE E DISINTOSSICANTE dolce sviluppando la sua azione su tutto l’apparato digerente e penetrando direttamente nel tessuto cellulare: elimina cellule morte, aiuta a rigenerare la crescita di quelle nuove e favorisce la salute dei tessuti.

L’Aloe Vera è nutriente poiché contiene una vasta gamma di sostanze: vitamine E, C, B2, B3, B6, acido folico, A, B12, ferro, magnesio, calcio, zinco, potassio, manganese, rame, boro, zolfo, 18 Amminoacidi, enzimi, etc…

E’ adattogena il che significa che ha capacità di agire adeguatamente in risposta ad ogni problema specifico della persona che ne fa uso; per esempio una persona può scoprire che, prendendo l’ALOE, combatte asma o artrite o le gengive, smettono di sanguinare o la pelle migliora.

E’ immunostimolante alzando le nostre difese nei confronti di attacchi da agenti esterni di varia natura, aiutando a ristabilire l’equilibrio di linfociti T e B ed è anche stata riconosciuta la sua funzione protettiva della pelle contro le radiazioni ultraviolette.  

Usata regolarmente ha effetto ANTI-AGING ovvero rallenta i processi di invecchiamento cellulare, favorendo l’eliminazione di radicali liberi.

Per uso esterno, l’Aloe Arborescens ha effetto cicatrizzante; le foglie di Aloe arborescens vengono usate con successo per trattare le bruciature e le lesioni da raggi X, acne, emorroidi, psoriasi, dermatite seborroica.

Una valutazione critica degli studi clinici esistenti fino al Maggio 2007 ha valutato il ruolo del gel di aloe per via topica nel trattamento delle ferite cutanee. Sono stati reperiti 4 studi clinici di buona qualità, per un totale di 371 pazienti. I risultati indicano che il tempo medio di guarigione dei pazienti trattati col gel di aloe era di 8,79 giorni, significativamente più breve di quello dei soggetti trattati col placebo, che era di 10,4 giorni. Va peraltro detto che i prodotti usati in questi studi erano diversi tra di loro e anche i criteri di misurazione dei risultati non erano omogenei. Sarebbe dunque necessario eseguire uno studio clinico con un grosso numero di pazienti per poter affermare con certezza l’utilità del gel di aloe nelle ferite.

Curiosità:

l’Aloe, citata persino nella Bibbia, è presente in molteplici documenti storici che, via via, nel tempo ne hanno decantato le straordinarie proprietà medicinali.

Su una tavoletta di argilla sumerica risalente al 2100 a.C. viene riportato, ad esempio, l’uso farmacologico dell’Aloe così come nel noto papiro egiziano di Ebers (1550 circa a.C.) viene dato un resoconto dettagliato sui metodi e sull’utilizzo di questa pianta.

Sembra, peraltro, che Re Salomone la coltivasse per le sue proprietà terapeutiche e che le regine Nefertiti e Cleopatra ne facessero largo uso per esaltare la loro bellezza.

I Greci, poi, pare la conoscessero e la usassero sin dal IV secolo a.C. ed è noto, a tale proposito, che Alessandro il Grande seguendo i suggerimenti del suo maestro Aristotele decise di conquistare l’isola di Socotra, nell’Oceano Indiano, proprio perché l’Aloe veniva coltivata in grande quantità e si rivelava dunque preziosa per curare le ferite dei soldati.

Dioscoride, poi (I sec. d.C.), descrive in modo dettagliato, nel suo Erbario Greco, i metodi di utilizzo dell’Aloe per curare molteplici disturbi; così come fece ampiamente Plinio il Vecchio nella sua Storia Naturale.

La fama relativa alle straordinarie proprietà medicinali dell’Aloe rimase viva a lungo, nel tempo, tanto che Cristoforo Colombo annotò nel suo diario: “Todo estàbien, hay Aloe a bordo” ed ancora: “Quattro vegetali sono indispensabili per la salute dell’uomo: il frumento, la vite, l’ulivo e l’aloe. Il primo lo nutre, il secondo ne rinfranca lo spirito,il terzo gli reca armonia,il quarto lo guarisce”.

Tra gli autorevoli personaggi che si pronunciarono in favore dell’Aloe merita ricordare F.

Vincent Raspail il quale scrisse: “Vuoi vivere più a lungo di Noè? Prendi qualche pillola di Aloè'”.

Mahatma Gandhi, invece, disse: “Mi chiedi quali forze segrete mi sostenessero durante i miei lunghi digiuni?

Ebbene, furono la mia incrollabile fede in Dio, il mio stile di vita semplice e frugale e l’aloe di cui scoprii i benefici alla fine del XIX secolo, al mio arrivo in Sud Africa.”

Dopo un periodo di silenzio che ne avvolse la fama e ne interruppe l’utilizzo, l’Aloe si riaffaccia oggi con prepotenza supportata da recenti ricerche scientifiche che ne hanno confermato ed avvalorato le innumerevoli proprietà terapeutiche.

Rimedio Autunnale

L’autunno è la stagione migliore per effettuare una cura depurativa dell’organismo e rinforzante delle difese immunitarie con il succo di aloe vera, in modo da fronteggiare meglio l’arrivo dell’inverno e del freddo con le patologie virali e batteriche alle vie respiratorie e l’accentuarsi di quelle artroreumatiche.

Considerata dagli antichi Egizi pianta dell’immortalità, i suoi estratti venivano utilizzati per l’imbalsamazione dei faraoni e da Cleopatra per le cure di bellezza.

Già nel V secolo A.C. gli Arabi, consapevoli delle notevoli proprietà, ne avviarono la commercializzazione nel mondo allora conosciuto.

Gli antichi Romani e Greci la utilizzavano per curare le ferite dei soldati dei loro eserciti, Cristoforo Colombo la considerava indispensabile per la salute dell’uomo e Gandhi ne beveva il succo per sostenersi durante i lunghi digiuni.

Da alcuni anni anche in Italia sono state riscoperte le proprietà salutari e benefiche per l’organismo della pianta di Aloe Vera Barbadensis Miller, i cui principi attivi sono ben 160, in perfetta sinergia fra loro, uniti alle vitamine A,B1,B2,B6,B12,C,E, minerali (calcio, fosforo, potassio, ferro, sodio, magnesio), oligoelementi (manganese, rame, zinco, cromo), 7 amminoacidi essenziali,  11 secondari, mono e polisaccaridi, mucopolisaccaridi, enzimi (11), antrachinoni, acidi grassi polinsaturi, lo rendono un integratore naturale completo e prezioso per

l’organismo. Inoltre i suoi agenti antibatterici, antivirali, antisettici e antinfiammatori sono preziosi per aiutare le difese immunitarie a combattere le patologie invernali alle vie respiratorie ed artroreumatiche.

E’ inoltre un forte depurativo e detossinante dell’organismo e degli organi emuntori e con la sua azione drenante consente all’organismo di espellere qualsiasi tipo di tossine, persino gli effetti collaterali di radio e chemioterapia.

E’ inoltre un eccezionale gastroprotettivo, depuratore e regolatore intestinale (elimina disbiosi e reazioni infiammatorie delle mucose da intolleranze alimentari), ricostituente della flora batterica; tiene infine sotto controllo pressione, glicemia e colesterolo ed ha una forte azione antiossidante.

Il succo di aloe vera True Aloe va assunto il mattino a digiuno (ed eventualmente la sera prima di cena), puro e non mischiato ad altre sostanze e per mantenere integre le proprietà organolettiche e principi attivi, deve essere conservato in bottiglie non trasparenti, a triplo spessore in quanto si ossida alla luce e teme gli balzi di calore.

Prediligere il succo di aloe vera proveniente dai luoghi di origine (centro america) lontano da fonti di inquinamento ambientale ed estratto e lavorato manualmente con pressaggio a freddo; in questo modo le proprietà e principi attivi rimangono intatti e maggiormente efficaci.

Per mantenere l’organismo pulito si consigliano 2 cicli depurativi con il succo di ale vera da effettuarsi in autunno e in primavera; in caso di patologie di una certa entità o croniche, è possibile assumerlo più volte durante l’anno.

Non è stato finora riscontrato alcun effetto collaterale e può essere assunto anche da donne in gravidanza e bambini.

Scopri Aloemannan l’integratore Coral a base di Aloe Vera concentrata liofilizzata.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>