Boswellia, un analgesico naturale

Lenisce il dolore, riduce la rigidità osteoarticolare, ne aumenta la mobilità e potrebbe ridurre l’uso di farmaci. È la boswellia, un arbusto originario dell’India e Cina appartenente al gruppo delle Burseracee, ad offrire questi risultati.

In una recente ricerca, l’impiego dell’estratto di boswellia (125 mg in un unico dosaggio) ha evidenziato la sua attività analgesica nelle persone sottoposte ad un dolore meccanico.

I partecipanti allo studio a cui era stato somministrato l’estratto hanno sperimentato un miglioramento significativo della soglia della tolleranza al dolore rispetto al placebo, dopo 1, 2 e 3 ore dalla somministrazione.

L’attività analgesica della boswellia si aggiunge a quella antinfiammatoria che ha dimostrato ottimi responsi in numerose malattie croniche di natura infiammatoria.
La capacità di controllare i processi flogistici, infatti, è stata osservata nell’artrosi in particolare del ginocchio e nell’artrite reumatoide, con ottimi margini di sicurezza.

La boswellia (boswellia serrata) ha dimostrato anche buoni risultati in disturbi infiammatori intestinali cronici come malattia di Crohn e colite ulcerosa, emicrania, cefalea a grappolo e nell’asma.

La sua resina, si ottiene per incisione ed è utilizzata da secoli come incenso nelle cerimonie culturali e religiose e, in passato dagli egiziani, per l’imbalsamazione dei corpi dei defunti.

La frazione terpenoide della resina della boswellia contiene l’AKBA (acido acetil-11-cheto-beta-boswellico), acronimo che raggruppa i nomi degli acidi che sono i principali costituente attivi.

Bibliografia
Prabhavathi K et al. A randomized, double blind, placebo controlled, cross over study to evaluate the analgesic activity of Boswellia serrata in healthy volunteers using mechanical pain model. Indian J Pharmacol. 2014 Sep-Oct; 46(5): 475–479.patologie

Scopri CORAL BOSWELLIA di Coral Club l’integratore specifico di Boswellia.