Tutto il mondo industrializzato è ormai attento alla formazione di una nuova cultura dell’alimentazione e ovunque vengono applicate speciali misure a tale scopo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha redatto nel 2003 un protocollo dietetico chiamato CINDI. La parola CINDI è l’acronimo di Countrywide Integrated Noncommunicable Diseases Intervention, un programma sovranazionale di prevenzione e controllo delle malattie non comunicabili.
Il protocollo della OMS svolge un’analisi approfondita delle abitudini alimentari di diversi Paesi ed evidenzia che la minor quantità di frutta e verdure disponibile pro-capite si riscontra in Kirghistan – circa 200 gr al giorno – contro il chilogrammo pro-capite della Grecia, in prima posizione nella classifica.
Si osserva inoltre il peggioramento delle abitudini alimentari nei paesi europei a partire dalla Seconda Guerra Mondiale.
Gli abitanti dell’Europa, per una serie di cause distinte (la fame trascorsa in tempo di guerra, diversi orientamenti sul concetto di alimentazione bilanciata), hanno iniziato a mangiare troppo. La dieta è diventata sbilanciata a sfavore di cereali, legumi, patate e altri tuberi. Al contrario è raddoppiato (del 50%) il consumo di carne e latticini.

Il programma CINDI raccomanda i seguenti principi per una sana alimentazione:
1. Abbi una dieta nutrizionale basata su una varietà di alimenti principalmente di origine vegetale più che animale.
2. Mangia pane, cereali, pasta, riso o patate parecchie volte al giorno.
3. Mangia una varietà di frutta e verdura, preferibilmente fresca e locale, parecchie volte al giorno (minimo 400g al giorno).
4. Mantieni il peso corporeo entro i limiti raccomandati (indice di massa corporea di 20-25) facendo una moderata attività fisica, preferibilmente quotidiana.
Che cos’è l’indice di massa corporea? È il più moderno e largamente riconosciuto indice che rispecchia la presenza o meno di massa magra e grasso corporeo in eccesso.
L’indice è un dato espresso come rapporto tra peso in kg e altezza in metri. La norma è compresa nell’intervallo tra 20 e 25; un indice compreso tra 25 e 30 denuncia un problema di sovrappeso, mentre oltre il 30 si parla di diversi gradi di obesità.
5. Controlla il consumo di grassi (non più del 30% dell’energia giornaliera) e sostituisci i grassi saturi con quelli insaturi come oli vegetali.
6. Sostituisci la carne grassa ed i suoi derivati con fagioli, legumi, lenticchie, pesce, pollame o carni bianche.
7. Usa latte e prodotti caseari (kefir, latte acido, yogurt e formaggi) poveri in grassi e sale.
8. Scegli cibi poveri di zuccheri, e mangia moderatamente zucchero raffinato, limita la frequenza di bevande dolci e dolciumi.
9. Scegli una dieta povera di sale. Il consumo di sale non dovrebbe eccedere
i 6g giornalieri. (1 cucchiaino da tè). È preferibile l’uso di sale iodato.
10. L’alcol, se consumato, non dovrebbe eccedere i 20g giornalieri.
11. Prepara il cibo in maniera sicura e igienica.
Cotture al vapore, al forno, bollitura o al microonde possono aiutare a ridurre l’utilizzo di grassi, sale e zucchero.

Il programma alimentare CINDI fa uso dello schema cromatico del semaforo: gli
alimenti sono quindi divisi in tre fasce contraddistinte dai relativi colori.

Verde sta per “procedere”.
Nella piramide alimentare CINDI la base è verde ed è costituita da cereali e suoi derivati: pane, pasta, riso, fiocchi d’avena, ecc. Raccomandiamo però che i cereali siano di tipo integrale, non raffinati, o comunque non impoveriti delle fibre.
Con questi alimenti si dovrebbe provvedere al 50% del fabbisogno energetico giornaliero. La dose raccomandata di frutta e verdure è di circa 400g.

Arancione sta per “attenzione”.
La zona arancione della piramide è costituita da due settori: in quello destro abbiamo carne, pollame, insaccati, pesce, uova, frattaglie e fegato. Il pesce e il pollame sono da consumare in misura notevolmente minore rispetto agli alimenti della zona verde. Perlopiù la carne deve essere preferibilmente magra e il latte scremato.
Nel settore di sinistra della fascia arancione abbiamo i derivati del latte.

Rosso sta per “stop”.
Nella fascia rossa troviamo torte, grassi, gelato, burro, succhi di frutta, bevande gasate dolci. Questi cibi vanno inclusi il meno possibile nella propria alimentazione.

Prima di decidere come cibarvi valutate con attenzione, applicate il principio della moderazione, e tutto ciò che ne seguirà sarà sicuramente a vostro vantaggio. Correggere il proprio stile di vita è la chiave per sentirsi meglio, più forti e resistenti.
Alla base di un’alimentazione che persegue l’obiettivo di mantenersi sani e non intossicarsi ci sono:
• frutta e verdura fresca, fonti di fibra;
• ortaggi cotti a vapore, cereali e semi oleosi; sono fonti di energia e sono alimenti alcalinizzanti;
• frutti di mare, uova e formaggi magri come fonti di proteine.

Inoltre per mantenersi puliti dentro e in salute occorre fare regolare esercizio fisico e allentare lo stress.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>